Anna Frank diventa sfottò romanista ai laziali. Diaconale: «Due pesi e due misure» – FOTO

Iscriviti
anna frank la repubblica lazio
© foto La Repubblica

I tifosi della Roma replicano ai laziali con le immagini di Anna Frank con la maglia giallorossa. Ecco le becere immagini dei tifosi romanisti

Ci risiamo! Anna Frank, simbolo della Shoah, utilizzata come simbolo di ‘sfottò’ e ‘goliardia’. Questo il pensiero di chi ha reso virale sul web la foto della ragazzina ebraica con la maglia della Roma e con tanto di didascalia: «a pippe». Lo sfottò è altro, il calcio è altro! Grande sconcerto poche settimane fa per le foto della Frank con la maglia della Roma, realizzate da alcuni tifosi della Lazio. I tifosi della Roma, hanno ‘pensato bene’ di replicare l’idea dei laziali e di prendere in giro i cugini, dopo la vittoria nel derby, sfruttando l’immagine di Anna Frank con la maglia della Roma.

Arturo Diaconale, portavoce della Lazio, ha scritto su Facebook: «C’è un uso strumentale di Anna Frank simile a quello degli adesivi appiccicati in curva Sud da un gruppetto di tifosi laziali nelle settimane scorse? Pare di no. Perché nessuno si è indignato per il ritorno della vittima dell’Olocausto nelle vicende calcistiche della Capitale. Un conto, si dice, era la goliardata infame del messaggio antisemita contenuto nei 26 adesivi appiccicati da un manipolo di tifosi oltranzisti. Un altro conto è la sana irrisione con cui l’intero popolo giallorosso si compiace per la vittoria nel derby e prende per i fondelli gli sconfitti».

Prosegue Diaconale: «L’ondata di “sana irrisione” rivolta ai tanti contrapposta alla “infame goliardata” compiuta da pochi, rischia di alimentare il pregiudizio cavalcato e ripetuto ossessivamente da molti giornali e reti televisive secondo cui lo sberleffo compiuto a mezzo Anna Frank è sacrosanto visto che l’intera tifoseria della Lazio è composta da razzisti e antisemiti irredimibili».