Brescia, la cooperativa del gol esaltata da un poker d’assi pronto per la Serie A

Brescia, la cooperativa del gol esaltata da un poker d’assi pronto per la Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

Brescia, la cooperativa del gol esaltata da un poker d’assi pronto per la Serie A: che stagione per Romagnoli, Tonali, Torregrossa e Donnarumma

Otto anni dopo, il Brescia è di nuovo in Serie A. Alla vigilia della stagione i riflettori erano probabilmente puntati altrove, ma le Rondinelle si sono rese protagoniste di un cammino esaltante, tutto in crescendo. Magistralmente orchestrate da quel Corini che, presa in corsa una vettura con problemi di affidabilità, l’ha trasformata in una fuoriserie capace di centrare la promozione con due turni d’anticipo.

Merito della guida tecnica, insomma, ma altrettanti meriti vanno riconosciuti ad un gruppo coeso e di qualità. All’interno del quale, in particolar modo, si sono contraddistinti quattro elementi pronti per trascinare i biancoblù anche nella prossima avventura nel massimo campionato. A partire da quel capitan Simone Romagnoli che, approdato a Brescia la scorsa estate, ha subito saputo prendere per mano la retroguardia e – di conseguenza – la squadra. Proprio come Sandro Tonali, che con fosforo e piedi educati – oltre ad una spiccata personalità per un ragazzo che ancora deve compiere 19 anni – ha operato da sapiente regista della manovra dei lombardi.

Una fase di impostazione che ha saputo rifornire in abbondanza i riferimenti offensivi del Brescia, due in particolare. Innanzitutto Alfredo Donnarumma, il più prolifico ed il più appariscente con le sue 25 reti in 29 partite. Un ruolino di marcia decisivo nella corsa alla promozione. Così come le reti, ma soprattutto le giocate, di Ernesto Torregrossa, uno che ha tutta l’aria di aver vissuto la stagione della definitiva maturazione. Uno dei quattro moschettieri che promette già scintille per la prossima stagione. Ancora al Brescia, con tutta probabilità, ma questa volta sul palcoscenico della Serie A.