Cairo deferito per le dichiarazioni sugli arbitri dopo Torino-Juve

Cairo deferito per le dichiarazioni sugli arbitri dopo Torino-Juve
© foto www.imagephotoagency.it

Deferito il presidente del Torino, Urbano Cairo, per le dichiarazioni sugli arbitri dopo il derby contro la Juventus

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, è stato deferito per le dichiarazioni post Torino-Juventus, derby della Mole finito con il punteggio di 0-1 per i bianconeri. Il presidente non aveva gradito, per usare un eufemismo, l’arbitraggio di Rocchi che, a suo dire, non aveva assegnato due calci di rigore ai granata: «Una abbastanza evidente con Matuidi su Belotti, l’arbitro doveva andare a vedere la Var. Non siamo gli unici ad essere stati penalizzati». Il presidente aveva poi aggiunto: «Con la Juve non siamo particolarmente fortunati. Se esiste la sudditanza psicologia? Secondo me sì, esiste ancora».

Stando a quanto riferito dal, è arrivato il deferimento per il numero uno del Toro. «E’ quanto rende noto la federcalcio precisando che il Procuratore Federale, esaminate le dichiarazioni rilasciate lo scorso 17 dicembre e rilevato che non sono state pubblicate rettifiche, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale per avere lo stesso espresso pubblicamente dichiarazioni lesive della reputazione della classe arbitrale». Deferita anche la società a titolo di responsabilità diretta.