Capello: «Dybala non è un leader. Kessie-Bakayoko? Solo uno scherzo»

Capello: «Dybala non è un leader. Kessie-Bakayoko? Solo uno scherzo»
© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Capello, ex allenatore della Juventus, ha parlato di Juventus-Ajax ma anche del Milan. Ecco le sue dichiarazioni

Grande attesa per JuveAjax. Fabio Capello, ex allenatore della Juve, ha parlato a Sky Sport in vista della gara analizzando così il match: «Kean può fare la differenza a gara iniziata. E’ tecnicamente un giocatore discreto, ha velocità ma è intelligente, sa smarcarsi, fa i movimenti quasi sempre giusti. La scelta di Dybala però è giusta. Sarà una sfida importante per lui, dovrà dimostrare la sua forza: deve dimostrare se è un campione che riesce a incidere o un giocatore normale. La fascia di capitano lo responsabilizza. Deve andare in campo a correre, lottare, deve essere da esempio. Per me un capitano è sempre stato un trascinatore, un leader in campo. Dybala ha dimostrato di essere un grande giocatore in Italia ma non ha mai dimostrato di essere un leader, come Pjanic ad esempio, che si fa sempre vedere, fa le entrate. Dybala fa cose molto buone con la palla tra i piedi ma non è un leader».

Prosegue Capello parlando della Juve e della finale persa nel ’73 quando lui era in campo: «Ajax-Juve del ’73? C’è una cosa che mi è rimasta impressa di quella finale: loro vinsero tre finali di Coppa consecutivamente e dopo la partita salirono sul pullman con la Coppa e quasi la gettarono via, come se fosse una cosa normale per loro. Quella cosa mi è sempre rimasta impressa». Don Fabio ha parlato anche del caso KessieBakayokoAcerbi: «Non darei tanta importanza a queste cose. E’ stato uno scherzo, hanno voluto mostrare la maglia perché Acerbi aveva detto che la Lazio era più forte e invece ha vinto il Milan».