Connettiti con noi

News

Collina: «La Var nasce per aiutare l’arbitro in decisioni cruciali, non per riarbitrare la partita»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

Collina

Pierluigi Collina ha parlato al Corriere della Sera dell’evoluzione del VAR provando a far chiarezza sui falli di mano

Pierluigi Collina ha parlato al Corriere della Sera dell’evoluzione del VAR provando a fare un po’ di chiarezza sulla situazione relativa ai falli di mano.

GOAL LINE – «Per la Goal line technology si parla di millimetri. Nella Var interviene la componente umana e quindi c’è un margine di errore. Se le immagini mostrano qualcosa di certo (fuorigioco, fallo dentro o fuori area) vanno usate, altrimenti vale la decisione del campo».

VAR – «La Var nasce per aiutare l’arbitro in decisioni cruciali, non per riarbitrare la partita. Nessuno ha mai pensato di rivedere tutto, i match sarebbero eterni. Si è iniziato a parlare di Var nel novembre 2014, in cinque anni e mezzo siamo passati da zero ad avere la Var in tutte le più importanti competizioni. Il processo è ancora in fase miglioramento e anche di comprensione, da parte di chi è cresciuto con il modus operandi di prendere la decisione finale e difenderla. Arbitri teleguidati? Qualcuno all’inizio voleva solo dirgli via microfono fai questo e quello. Alla fine sarebbe come avere un joystick e manovrarlo dall’esterno: così gli si toglie il ruolo di decisore finale, non va bene».

Advertisement