Connettiti con noi

Champions League

Conferenza stampa Ceferin: «Tifosi negli stadi? Decideremo a luglio»

Pubblicato

su

Ceferin fair play finanziario

Conferenza stampa Ceferin: le parole del presidente della UEFA dopo il Comitato Esecutivo. Le sue parole

Aleksander Ceferin ha parlato in conferenza stampa al termine del Comitato Esecutivo della UEFA riunitosi oggi. Queste le parole del presidente della Uefa sulle decisioni prese.

CALCIO SOLIDALE – «Il calcio può essere un veicolo importante delle opere di bene e questo periodo l’ha dimostrato».

COMITATO ESECUTIVO – «Il comitato esecutivo di oggi ha preso molte decisioni. La decisione a marzo di posticipare gli Europei è stata molto coraggiosa ma penso sia stata la scelta giusta altrimenti i campionati non sarebbero terminati. L’intera comunità calcistica ha lavorato a stretto contatto per arrivare al punto che il gioco possa riprendere e credo che tutti nel mondo del calcio e del governo che ci hanno aiutato ad arrivare a questo punto debbano essere ringraziati. Voglio ringraziare la FIFA, le altre confederazioni, le federazioni nazionali, i club, le leghe, i giocatori e le autorità per il continuo sostegno e impegno. Sono convinto che usciremo dalla crisi più forti e con legami più stretti che mai».

TIFOSI – «Se dovessi rispondere oggi, non penso che sarebbe possibile avere spettatori alle ‘Final Eight’ di Champions ed Europa League, ma le cose cambiano rapidamente: un mese fa non potevo dire se avremmo ripreso a giocare e ora lo faremo. Non abbiamo deciso ancora se ci saranno o no spettatori, valuteremo la situazione all’inizio di luglio e vedremo. Sarebbe sbagliato per noi deciderlo in anticipo in base alla situazione in questo momento.

CRISI – «Sono convinto che usciremo dalla crisi più forti e con legami più stretti che mai. Infine un sentito messaggio di apprezzamento e gratitudine alle centinaia di migliaia di eroi che hanno lavorato instancabilmente in prima linea durante la pandemia di COVID-19. La loro dedizione e il loro coraggio hanno permesso alla società e al calcio di tornare così velocemente. Senza i loro sforzi e sacrifici, niente di tutto questo sarebbe stato possibile».

SERIE A«Ovunque il calcio riparta e ovunque i campionati finiscano senza rischio per nessuno, io sarò felice. Sono felice che la Serie A riparta, sono felice che porti gioia alle persone e non vedo l’ora di vedere altre partite del campionato italiano».

STOP IN FRANCIA«Per prima cosa la decisione di fermarsi è arrivata dall’interno. La mia opinione è che la decisione sia stata leggermente affrettata. Non so se PSG e Lione saranno avvantaggiati o meno in Champions League, è difficile da dire».

RAZZISMO – «Abbiamo parlato anche di questo. Sappiamo che la situazione è seria. E’ troppo presto per dire qualcosa, ma conosciamo la potenza del calcio. Vogliamo usarlo per far passare giusti messaggi, dobbiamo migliorare ancora ma è presto per parlarne concretamente. Rashford? Un calciatore importante, ha avuto un forte impatto, è un ragazzo intelligente e siamo impressionati dal suo successo».

Advertisement