Conferenza stampa Juric: «Contro il Genoa non giocheranno Primavera»

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Juric: le parole del tecnico dell’Hellas Verona alla vigilia del match contro il Genoa

Ivan Juric ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Genoa. Queste le parole del tecnico degli scaligeri riportate da TMW.

FORMAZIONE – «Mi metterei in mezzo, ma è da tempo che non faccio niente. Domani non giocherà nessun Primavera. Io voglio fare una partita seria, giusta, con la massima attenzione».

GIOCATORI IRRINUNCIABILI – «Sì. Più o meno dobbiamo prenderne una quindicina, ma in quei quindici ci sono giocatori che vogliamo riconfermare, giocatori che erano in prestito e che sanno come muoversi all’interno della squadra. La prima cosa che vogliamo fare è questa».

MERCATO PIÙ FACILE – «Non lo so. Siamo in una situazione migliore rispetto allo scorso anno. Ciò non significa che faremo meglio, ma qualche possibilità in più l’abbiamo. Dobbiamo creare una base con i giocatori confermati, e poi cercare altri giocatori».

OBIETTIVI – «Quando sono arrivato l’idea era che dovessimo cambiare tutti. Il presidente è molto attento ai conti, ed è rimasto sorpreso. Mi spiegò che la cosa più importante fosse non andare fuori budget. Poi ovviamente l’obiettivo era salvarsi, ma con i parametri di quel momento».

GIOCATORI MIGLIORATI – «Su Silvestri c’è il merito del preparatore dei portieri. Kumbulla è una sorpresa: non so nemmeno giudicarlo, ho visto poche partite in passato con lui in campo. Zaccagni e Faraoni sono cresciuti a modo loro, hanno fatto un campionato strepitoso».

PESSINA – «Se lo terrei? Deve restare per forza. Non solo per noi, anche per lui».

MANDZUKIC – «Non è un’opzione che ci interessa, andremo su altro».

PAZZINI – «L’aspetto tecnico non c’entra con quello umano. In quel momento non era pronto. Quello che ha detto era vero, ero prevenuto perché mi era stato presentato così. Invece ho trovato un grande professionista, ho fatto un grande errore. Da lì è nato un grande rapporto. Penso sia stato l’unico errore di quest’anno».

GENOA – «È una situazione così. Mi è dispiaciuto per le parole del presidente del Lecce, che si è corretto. Andremo là per fare la nostra partita, tutto il resto mi dà fastidio. Poi è vero che io sono un ex, e che Veloso è sposato con la figlia del presidente. Ma noi andiamo là per fare una partita seria».