Higuain e il triangolo Milan-Juventus-Chelsea: la situazione

Higuain e il triangolo Milan-Juventus-Chelsea: la situazione
© foto www.imagephotoagency.it

Gli aggiornamenti sulla situazione Gonzalo Higuain. Il Pipita nel mirino del Chelsea ma il Milan non lo lascia andare

La telenovela Gonzalo Higuain non è ancora giunta alle puntate conclusive. Il fratello-agente del Pipita, Nicolas, è a Londra per parlare con Sarri e con il Chelsea ma al momento, anche secondo fonti autorevoli straniere, non c’è l’intesa tra MilanJuventusChelsea per il passaggio del centravanti argentino alla corte di Sarri. Il Chelsea vorrebbe ingaggiare il Pipita in prestito, il Milan non vorrebbe privarsi del suo centravanti (dovrebbe tornare sul mercato alla ricerca di una valida alternativa, difficile trovarla a gennaio, specie con i paletti della Uefa per il Fair Play Finanziario) e la Juve, con la quale il calciatore è legato da un contratto di 7 milioni e mezzo di euro a stagione, in scadenza a giugno 2021, non ha posto alcun veto sulla trattativa, se non che una delle due squadre, Milan o Chelsea, paghino i 36 milioni di euro fissati per acquistare il cartellino di Higuain.

La Juve dunque è disponibile al trasferimento di Higuain al Chelsea, purché questo avvenga a titolo definitivo. No ai prestiti. Il Milan dalla cessione di Higuain non guadagnerebbe nulla, semmai risparmierebbe 14-15 milioni tra ingaggio e cifra per il prestito oneroso (18 milioni, la metà sarebbero già stati versati alla Juventus). Allo stesso tempo il Chelsea non sembra essere disposto a versare i 18 milioni (e successivi 36) del prestito oneroso con diritto di riscatto che il Milan ha concordato con la Juve. Al momento dunque l’affare appare difficile, molto complicato. Il Pipita non lascerà sicuramente il Milan prima della gara di Supercoppa contro la Juventus ma, al momento, un suo trasferimento al Chelsea sembra essere molto difficile. Il Chelsea, ma soprattutto Sarri, attende alla finestra ma, con ogni probabilità, Gonzalo dovrà rimboccarsi le maniche per riconquistare i tifosi rossoneri e per riportare il Milan in Champions. Poi a giugno si tireranno le somme.