Insigne tra passato e futuro: «Grazie Sarri. Ancelotti? Che colpo, non me lo aspettavo»

insigne sarri napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Lorenzo Insigne, in quel di Coverciano, ha parlato del valzer che ha caratterizzato la panchina del Napoli negli ultimi 4 giorni

Che Carlo Ancelotti accettasse di diventare il nuovo allenatore del Napoli erano in pochi a crederlo, pochissimi. Tra di loro anche Lorenzo Insigne, che ha toccato la questione al momento del suo arrivo a Coverciano per rispondere alla convocazione del neo commissario tecnico Roberto Mancini: «Non mi aspettavo affatto l’arrivo di Ancelotti, ma il presidente Aurelio De Laurentiis ha questi colpi e ne ha piazzato uno davvero grande perchè parliamo di un allenatore importante». 

Quindi dedica un pensiero al suo nuovo allenatore:«Faccio un in bocca al lupo ad Ancelotti, con la speranza che possa guidarci al meglio in questa nuova stagione: è un allenatore vincente e sarà un onore seguirlo». Senza dimenticare Maurizio Sarri, tecnico che ha dato tanto al Napoli, così come ad Insigne: «Posso soltanto dire grazie di tutto al mister. E’ merito suo se in questi 3 anni siamo davvero cresciuti, raccogliendo risultati che ci hanno fatto ammirare dall’Europa intera. E se quest’anno siamo arrivati lì in alto è merito suo». Si chiude, quindi, un’era in casa Napoli e se ne apre una nuova, affascinante e chissà anche vincente.