Juventus, la situazione prestiti: da Audero a Cerri, il futuro è un rebus

Juventus, la situazione prestiti: da Audero a Cerri, il futuro è un rebus
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus ha molti giocatori in prestito su cui si è riservata un diritto di riacquisto. Ecco una panoramica di tutti i nomi

La Juventus, sin dal suo ritorno dalla Serie B, ha saputo impostare il mercato guardando al futuro. Colpi come quello di Arturo Vidal e Paul Pogba, arrivati per poco (se non a zero) e rivenduti a grosse cifre hanno dato una grossa mano per la costruzione del club vincitore di ben 7 scudetti consecutivi, con due finali di Champions League raggiunte. Questa strategia adesso riguarderà parecchi nomi di giocatori nati dal 1995 in poi, sparsi per l’Italia in prestito a farsi le ossa. Molti di loro probabilmente saranno ceduti per far cassa, ma altri sono in rampa di lancio e una futura maglia bianconera è sempre più che probabile.

I nomi in porta e in difesa

Partendo dalla porta, il nome è quello di Emil Audero. In prestito alla Sampdoria, è certo del riscatto da parte del club di Massimo Ferrero, guadagnato a son di prestazioni e parate importanti. Ma la Juventus conserve un diritto di controriscatto, che eserciterà con ogni probabilità. A quel punto si apriranno due strade, la cessione o un ruolo da comprimario, magari alle spalle di Szczesny se Perin dovesse partire. In difesa il nome da seguire è sicuramente quello di Rogerio del Sassuolo. I neroverdi vorrebbero tenerlo fino a giugno, ma Paratici vorrebbe venderlo all’estero per fare cassa (Wolverhampton interessato). Obiettivo almeno 15 milioni, con la situazione in divenire. Al centro della retroguardia, due giovani promesse vorrebbero ritagliarsi uno spazio alla Vecchia Signora: Romagna del Cagliari e Magnani del Sassuolo. Entrambi stanno disputando un ottima stagione e entrambi si portano dietro un diritto di riacquisto juventino, 15 per il rossoblu e 12 per il neroverde.

I nomi a centrocampo e in attacco

Guardando dalla metà campo in su, i giovani su cui puntare sono altrettanto invitanti. Mandragora è sicuramente il più pronto, ceduto per 20 milioni all’Udinese con riacquisto di 26. A seguire Cassata, preso dal Sassuolo e ora in prestito al Frosinone. E chi saranno gli attaccanti del futuro? In casa Juventus in queste ultime settimane c’è il nodo riguardante Marko Pjaca, poco impiegato alla Fiorentina e richiesto all’estero. Il riscatto a 20 milioni dalla Viola è molto lontano. Un altro esterno è Riccardo Orsolini, passato per Ascoli e ora in forza al Bologna, con 15 milioni di riscatto e possibilità successiva di controriscatto. Infine, due punte di peso, entrambe con un costo ingente di recompra. Da una parte il genoano Favilli, arrivato da titolare e poi surclassato da Piatek: Prezioni può riscattarlo aggiungendo 7 milioni ai 5 pagati in estate, la Juventus può riprenderselo solo sganciando 24 milioni. Situazione simile per Alberto Cerri, che il Cagliari dovrà obbligatoriamente riscattare per 9 milioni, con un eventuale controriscatto fissato a più del doppio.