Marotta: «Conte è molto arrabbiato. Lautaro? Ritrovi la serenità»

Marotta
© foto www.imagephotoagency.it

Beppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la sconfitta dei nerazzurri contro il Bologna

Beppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport l’indomani della sconfitta dei nerazzurri contro il Bologna. Queste le sue parole.

BOLOGNA«C’è grande amarezza e delusione alla luce di quella che è stata un’ottima gara. Purtroppo oggi c’è una grandissima delusione. Ci siamo riuniti con Conte per fare una disamina del momento, ma soprattutto per esprimere la nostra amarezza, il nostro sconforto, il disappunto per una vittoria che poteva essere alla portata»

CONTE – «Conte da oggi ha iniziato a pensare a giovedì. È molto arrabbiato, la critica di Conte serve anche per capire il personaggio e l’uomo che vuole ottenere molto di più da sè stesso e dalla squadra. A Verona dobbiamo dimostrare che abbiamo fatto tesoro di ciò che abbiamo dilapidato contro il Bologna».

LAUTARO – «In questo momento convivono due situazioni: il campionato e il mercato. L’Inter non vuole vendere i suoi giocatori più importanti, Lautaro è condizionato dalle voci di mercato, abbiamo ammirato un grande giocatore nella prima parte di stagione tale da attirare l’attenzione di molti club. Adesso deve ritrovare quella serenità che lo deve portare a togliersi delle soddisfazioni e garantire all’Inter il contributo dato nella prima parte della stagione».

ERIKSEN«Lui si è inserito a gennaio in un settore che sta patendo a seguito di indisponibilità, è un grande giocatore e sicuramente può dare molto di più. Lo aspettiamo con calma, ma devo dire che Conte sta facendo un gran lavoro»

CAMPIONATO«Mancano 8 partite, dobbiamo ottenere il massimo. Abbiamo subito 4 sconfitte che possono essere tante o poche.»

EUROPA LEAGUE«Se crediamo alla vittoria?Possiamo tentare, non sappiamo il valore e lo stato di forma delle altre squadre. Ma dobbiamo crederci e partecipare per vincere. Questo è già un grande obiettivo»