Ordigni contro il pullman del Borussia Dortmund: uomo fermato estraneo ai fatti

bartra
© foto www.imagephotoagency.it

Il Borussia Dortmund è passato dalla notte di Champions League contro il Monaco allo shock per gli ordigni esplosi sul pullman, con Marc Bartra ad avere la peggio (difensore operato). Iracheno fermato estraneo ai fatti – 13 aprile, ore 12.38

Nuovi aggiornamenti sull’attentato contro il pullman del Borussia Dortmund di martedì. Secondo quanto dichiara la polizia tedesca, l’iracheno Abdul Beset, arrestato per un possibile coinvolgimento, è stato rilasciato: la perquisizione nella sua abitazione non ha portato i risultati sperati. Non è stato trovato infatti l’esplosivo citato nelle intercettazioni telefoniche. Cadono così le accuse per l’attentato contro il pullman, con le forze dell’ordine tedesche che valutano anche altre ipotesi.

Si sospetta la pista neo-nazista – 13 aprile, ore 7.30

I sospetti per le bombe di Dortmund sono due, lo fa sapere Frauke Köhler, portavoce della procura generale federale di Karlsruhe che ha in carico l’inchiesta. Uno è stato arrestato e sarebbe un 25enne di Wuppertal ma di origini irachene; l’altro invece sarebbe un 28enne, un cittadino tedesco di Froendenberg, cittadina non lontana da Dortmund. Tutti e due comunque sarebbero appartenenti agli ambienti islamici delle Nordrhein-Westfalen e molto vicini allo Stato islamico. Per quanto riguarda il motivo delle bombe, nei volantini lasciati vicino al pullman si parla della chiusura della base di Ramstein, dalla quale partono i tornano diretti verso il Califfato. Stando a La Gazzetta dello Sport gli inquirenti comunque non escludono che possa trattarsi di ambienti neo-nazisti nella tifoseria del BVB perché nei volantini alcuni passaggi sono troppo inusuali.

Conferme su matrice jihadista: arrestato un islamico – 12 aprile, ore 14.35

Arrivano conferme sulla pista islamica per l’attentato di ieri sera al pullman del Borussia Dortmund. Bartra, colpito dai vetri, è stato operato quest’oggi e l’operazione è andata bene. Così il padre: «Ha sentito un rumore molto forte, un’esplosione, poi un dolore alla testa e al polso. Poi si sono stesi a terra e in seguito è stato portato in ospedale» Il Procuratore Federale tedesco ha confermato poco fa l’arresto una persona strettamente riconducibile all’attentato e si tratterebbe di un islamico. Dentro gli esplosivi c’erano proiettili di metallo. Chi li ha messi metteva in preventivo di poter uccidere.

Ordigni contro il pullman del Borussia Dortmund: matrice jihadista – 12 aprile, 13.45

Giungono conferme dalla Germania sulla matrice jihadista dei tre ordigni esplosi davanti al pullman del Borussia Dortmund ieri sera, con la formazione tedesca impegnata nella sfida di Champions League contro il Monaco. La partita è stata rinviata alle 18.45 di oggi, con Bartra che ha avuto la peggio: il difensore spagnolo è stato operato d’urgenza per la frattura del polso. Secondo quanto riporta la stampa tedesca, la lettera di matrice islamica trovata ieri nei pressi del luogo dell’attentato è legata alla rivendicazione del misfatto: citata, in particolare, la cancelliera Merkel per il contributo nella lotta contro lo Stato islamico. Chiesto inoltre il ritiro degli aerei Tornado dalla Siria e la chiusura della base americana di Ramstein. Attesi aggiornamenti dalla conferenza stampa organizzata dal procuratore federale contro il terrorismo.

Spunta una lettera in arabo, rivendicazione islamica? – 12 aprile, ore 10.55

Spunta una lettera di matrice islamica per l’esplosione di alcuni ordigni davanti al pullman del Borussia Dortmund prima della sfida di ieri sera contro il Monaco. Secondo “Sky Sport“ci sarebbero gli estremi per parlare di terrorismo perché nei pressi del mezzo è stata trovata una lettera in arabo. Potrebbe dunque essere una lettera di rivendicazione islamica. Al momento non ci sono conferme ma si sta indagando anche su quel fronte.

Shock Borussia Dortmund: Bartra operato d’urgenza. Parla la polizia – 12 aprile

In una apposita conferenza stampa hanno parlato i piani alti della polizia per analizzare quanto successo ieri a Dortmund. «Si tratta di un attacco mirato al bus del Borussia Dortmund. È stata scoperta una lettera e stiamo lavorando per conoscerne l’autenticità. Lo stadio e l’area limitrofa saranno uno dei punti focali per la polizia anche nel recupero della sfida col Monaco. Stiamo preparando una maggiore presenza di uomini e faremo tutto ciò che sarà umanamente possibile per far sì che il match si tenga al sicuro» è quanto hanno affermato dalla polizia.

Il Borussia Dortmund, tramite il suo profilo Twitter ufficiale, ha reso noti gli ultimi aggiornamenti sulle condizioni del difensore spagnolo: «Diagnosi di Marc Bartra: rottura del polso destro e detriti disseminati. Attualmente è in chirurgia. Guarisci presto, Marc!».

Shock Borussia Dortmund: Bartra sarà operato – 11 aprile, ore 23.30

Solitamente il Borussia Dortmund fa parlare per le sue grandi prestazioni in campo, tra Bundesliga e Champions League, stavolta è stato protagonista di un episodio di cui non si conoscono ancora tutte le dinamiche. Sarebbero 3 gli ordigni esplosi, verso le 19.15, sul bus che trasportava squadra e staff verso lo stadio, per prendere parte alla sfida dei quarti di finale di andata di CL contro il Monaco. La partita è stata rimandata a domani ed è stato il difensore spagnolo Marc Barta ad avere la peggio in seguito alle esplosioni, riportando delle ferite al braccio. L’ex calciatore del Barcellona è stato portato subito in ospedale, la madre ha rassicurato tutti dichiarando che il figlio sta bene ma le ultime notizie parlano di operazione di riduzione della frattura al polso per il centrale difensivo giallonero. Il dirigente Watzke e il portiere Burki, l’uno presente al momento delle esplosioni e l’altro seduto proprio vicino all’iberico, hanno riferito più dettagli in tema: attacco perpetrato proprio ai danni del bus del club tedesco e squadra, comprensibilmente, sotto shock.