De Laurentiis è una furia: «Koulibaly umiliato, pronto a lasciare la FIGC»

De Laurentiis è una furia: «Koulibaly umiliato, pronto a lasciare la FIGC»
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole furiose del presidente del Aurelio De Laurentiis dopo il respingimento del ricorso per la squalifica rimediata da Koulibaly contro l’Inter per i cori razzisti di San Siro

Come ampiamente prevedibile, Aurelio De Laurentiis non ci sta: il presidente del Napoli ha sbottato dopo il respingimento del ricorso da parte della Corte Federale riguardante la squalifica comminata a Kalidou Koulibaly per l’espulsione rimediata in Inter-Napoli il giorno di Santo Stefano. Espulsione, secondo quanto dichiarato più volte dalla società azzurra, provocata dagli ormai tristemente ben noti ululati razzisti che San Siro aveva riservato al difensore. «Anche stavolta il sistema, inteso come organizzazione, ha dimostrato di non saper cambiare, punendo la vittima e non il carnefice – ha dichiarato stamane ADL al Corriere dello Sport . Se andiamo avanti così, il calcio rischia seriamente di implodere, di farsi male da solo».

«Mi vergogno di far parte di questo sistema dal quale uscirò molto in fretta se la FIGC non userà misure drastiche contro il razzismo – ha aggiunto il numero uno del Napoli, letteralemente furente – . E Koulibaly viene ancora più umiliato da questa vicenda. Sono offeso per lui. Era toccato, commosso, colpito nella sua sensibilità, la sua e della famiglia. La sua capacità espositiva è stata esemplare, mi spiace non abbia avuto giustizia». Tra gli argomenti trattati nel corso dell’intervista odierna da De Laurentiis, anche quello relativo alla Superlega dei top club a partire dal 2024 («Chi sarà preposto a certe decisioni farebbe un clamoroso autogol se non tenesse in considerazione i nostri risultati sportivi ottenuti in questi ultimi dieci anni») e, ovviamente, il mercato: «Per Koulibaly ho rifiutato 105 milioni in estate. Allan? Sono riflessioni che faremo solo in caso di offerte indecenti o se la volontà dei giocatore sarà di accettare tali proposte». Nessuna novità invece a gennaio: per De Laurentiis la stagione attuale sarà di transizione in vista di un ringiovanimento futuro.