Di Natale: «No alla Juve: la mia vita sarebbe cambiata in meglio o in peggio?»

di natale udinese
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Totò Di Natale sulla sua carriera. Ora allenatore delle giovanili, prima attaccante. Le sue parole

Totò Di Natale, ex bandiera dell’Udinese, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. L’attaccante campano ha parlato del famoso no alla Juventus e anche dell’avventura a Udine. Ecco le sue parole.

IL NO ALLA JUVE – «A Udine stavo bene io e la mia famiglia. Se avessi accettato la Juventus è chiaro che la mia vita sarebbe cambiata, ma ti domando: in meglio o in peggio?».

L’UDINESE – «Io sono contento così, ho fatto la storia dell’Udinese, ero il capitano, la gente mi ha adorato. Ecco, magari invece di 209 gol ne avrei potuti segnare 300 ma la felicità non la consideri? Giocare felici è il primo concetto che cerco di trasmettere ai miei ragazzi, a cui dico che all’allenamento si arriva con il sorriso, poi una volta che siamo in campo è necessario fare di tutto e di più anche per vincere le partite. Udine è la mia seconda casa ma quando uno resta in un club per tanti anni finisce per diventare ingombrante».