La sentenza ribalta tutto: «Gavillucci deve tornare ad arbitrare in Serie A»

La sentenza ribalta tutto: «Gavillucci deve tornare ad arbitrare in Serie A»
© foto www.imagephotoagency.it

Gavillucci deve tornare ad arbitrare in Serie A, la sentenza dà ragione all’arbitro di Latina: cosa accade adesso

Sentenza senza precedenti, Claudio Gavillucci deve tornare ad arbitrare in Serie A. Ricordate la vicenda del 39enne arbitro di Latina, dismesso per ragioni tecniche al termine dello scorso campionato? Adesso la Corte d’Appello Federale ha dato ragione all’ex arbitro di A, accogliendo il suo ricorso e dandogli ragione dopo oltre sette mesi di battaglia legale. Il verdetto emesso dal dottor Santoro ha completamente ribaltato la decisione dello scorso 3 dicembre, quando il giudice Proietti aveva ritenuto infondate le ragioni di Gavillucci.

Strana la storia di Claudio Gavillucci, arbitro che ha diretto Samp-Napoli dello scorso 13 maggio 2018 sospendendo momentaneamente la gara in seguito a cori discriminatori nei confronti dei napoletani. Successivamente il fischietto laziale ha diretto un’altra gara in Serie A, Udinese-Bologna del 20 maggio, e poi venne bocciato dalla Commissione arbitrale di Serie A e dismesso per motivate ragioni tecniche. Tanto che durante il corso di questa stagione Gavillucci si è ritrovato a dirigere match improbabili: a ottobre era sceso in campo per arbitrare la sfida degli allievi regionali tra Vis Sezze e Tor De’ Cenci, a dicembre invece era su un anonimo campo di periferia a gestire i ragazzini di Vis Sezze-Samagor.

Questo il dispositivo della sentenza odierna: «La C.F.A., in accoglimento del ricorso proposto dal sig. Gavillucci Claudio, annulla, in parte equa, il Com. Uff. n. 1 del 30.6.2018 AIA, nella sola parte in cui “comunica” la dimissione del sig. Gavillucci dalla CAN A deliberata in pari data dal Comitato Nazionale, e, per l’effetto, annulla il provvedimento con il quale l’AIA ha disposto la predetta dismissione. Dispone restituirsi la tassa reclamo».  E adesso? Non essendoci precedenti analoghi è difficile prevedere come rendere esecutiva una sentenza del genere. In astratto Gavillucci potrebbe tornare ad arbitrare in Serie A anche subito, dopo aver sostenuto i test fisici e le visite mediche a cui non è stato sottoposto in estate in quanto escluso dall’organico. Ma difficile pensare anche ad un rapporto cordiale, già alquanto teso, col presidente dell’AIA, Nicchi.