Come vedere Germania-Messico in streaming e in diretta tv

Germania-Messico, prima giornata girone F Mondiali Russia 2018: tutte le info per vedere la partita in diretta ed in streaming, probabili formazioni, precedenti, info e curiosità

Germania-Messico è la prima partita del gruppo F dei Mondiali di Russia 2018 (l’altra – Svezia-Corea del Sud – è in programma per lunedì alle ore 14): scendono in campo i campioni del mondo in carica. La gara è prevista per le ore 17 (ora italiana) presso lo Stadio Luzhniki della capitale Mosca, ovvero l’impianto dove si è tenuta la gara di apertura tra Russia ed Arabia Saudita qualche giorno fa e dove si terrà anche la finalissima. Una partita sin da subito non semplicissima per gli uomini di Joachim Loew, dominatori in Brasile quattro anni fa, che si troveranno davanti un’avversaria di esperienza e sicuramente ostica: il Messico di Juan Carlos Osorio si sono ancora una volta facilmente qualificati alla Coppa del Mondo al primo posto del proprio girone di qualificazione e – pur non annoverando nella propria rosa stelle di primissima grandezza – restano una squadra sicuramente capace di poter passare il girone.

Germania-Messico verrà trasmessa a partire dalle ore 17 in diretta in chiaro sulle frequenze di Italia 1 (anche in HD al canale 506 del digitale terrestre), ma non solo. La gara potrà essere infatti seguita anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile direttamente dal sito di Mediaset ed in radio sulle frequenze di Radio 1. Ricordiamo inoltre che la partita sarà disponibile in diretta testuale live sul nostro sito con ampio pre-partita, quindi sintesi, pagelle ed approfondimenti alla fine. Ecco la lista di siti per vedere le partite in diretta: Stream HD Calcio.


Germania-Messico: probabili formazioni

QUI GERMANIA – Sono pochi i dubbi che agitano Loew, ormai sicuro di poter contare su una formazione già ampiamente sperimentata e consolidata nel corso dell’ultimo biennio. Il modulo di partenza dovrebbe essere il solito 4-2-3-1 con Thomas Muller a fungere da rifinitore di fianco al duo composto da Mesut Ozil e Julian Draxler esterni e di spalle al giovane Timo Werner in posizione di attaccante centrale. Attenzione però ad una possibile sorpresa (anche questa già sperimentata più volte negli ultimi anni): Muller spostato in avanti, cioè in tipica posizione da falso nueve, con Werner in panchina per liberare un posto sulla trequarti a Marco Reus, che scalpita per giocare. In difesa e a centrocampo (con lo juventino Sami Khedira a fungere da spartiacque coadiuvato da Toni Kroos) invece nessuna novità prevista al momento.

QUI MESSICO – Anche Osorio può contare su di un gruppo di giocatori già testato: ripartirà dunque dal 4-3-3 (ma non è escluso in corso d’opera il ricorso allo speculare 4-2-3-1, già utilizzato nel corso dell’ultimo anno), anche se non mancano i dubbi. In avanti per il momento Carlos Vela dovrebbe essere in svantaggio nel ballottaggio con Jesus Corona, mentre in difesa l’immortale Rafa Marquez (39 anni e quinto Mondiale in carriera di fila) si gioca ancora il posto con il giovanissimo Edson Alvarez (favorito), che ha quasi vent’anni in meno. In attacco il Chicharito Javier Hernanez resta un punto fermo coadiuvato da Jonathan dos Santos largo alle spalle, ma non è escluso che l’esterno dei Los Angeles Galaxy possa essere spostato in posizione di trequartista con Corona (o Vela) e la stellina Hirving Lozano (leggi anche: MESSICO: TUTTO SU LOZANO) decentrati a fare da esterni alti.

GERMANIA (4-2-3-1) – Neuer; Kimmich, Hummels, Boateng, Hector; Khedira, Kroos; Muller, Ozil, Draxler; Werner. Allenatore: Loew
MESSICO (4-3-3) – Ochoa; Salcedo, Alvarez, Moreno, Layun; J. dos Santos, Guardado, Herrera; Corona, Hernandez, Lozano. Allenatore: Osorio

muller germaniaLeggi anche: MONDIALI 2018: PROBABILI FORMAZIONI PRIMO TURNO


Germania-Messico: curiosità e statistiche

  • L’ultimo precedente tra le due formazioni è dello scorso anno, in semifinale di Confederation Cup: allora terminò 4 a 1 per i tedeschi (con doppietta di Leon Goretzka e gol di Werner ed Amin Younes)
  • Ai Mondiali, in totale, Germania e Messico si sono sfidate tre volte, con i tedeschi che non hanno mai perso (due vittorie, il roboante 6 a 0 del 1978 ed il 2 a 1 del 1998, ed un pareggio, lo 0 a 0 ai Mondiali messicani del 1986)
  • Il Messico contro la Germania ha vinto solo una volta in 11 confronti totali, nel giugno 1985 in amichevole (2 a 0), ottenendo per il resto cinque pareggi e cinque sconfitte
  • La Germania ha vinto tutte le ultime 7 partite di esordio ai Mondiali segnando la bellezza di 20 gol complessivi solo negli ultimi quattro esordi (8 gol all’Arabia Saudita nel 2002, 4 gol alla Costa Rica nel 2006, 4 gol all’Australia nel 2010, 4 gol al Portogallo nel 2014)
  • Il Messico non ha mai perso nelle ultime 5 partite di esordio ai Mondiali (4 vittorie e 1 sconfitta): l’ultima debacle alla prima risale al 1994 contro la Norvegia (0 a 1)
  • La Germania è la seconda squadra di sempre in termini di presenze alla Coppa del Mondo con 19 totali (di cui questa sarà la diciassettesima di fila), solo il Brasile ha fatto di meglio con ventuno su ventuno
  • La Germania insegue un record: può essere la prima squadra a vincere il Mondiale per due volte di fila dai tempi del Brasile (1958 e 1962): i verdeoro sono al momento l’unica selezione ad aver vinto più Coppe del Mondo dei tedeschi, 4 contro 5. Altro primato che può essere eguagliato
  • La Germania arriva al Mondiale essendo l’unica squadra ad aver vinto tutte le partite del suo girone di qualificazione (10 su 10) ed è quella con la miglior differenza reti registrata in tutte le tornate di qualificazione nell’ultimo biennio nel loro complesso (+39)
  • La Germania è sempre arrivata almeno in semifinale negli ultimi quattro Mondiali, miglior striscia mai fatta registrare nella competizione da quando esiste. Non solo: la Germania è sempre arrivata prima nel proprio girone ai Mondiali sin dal 1990
  • Messico al Mondiale per la sedicesima volta nella sua storia: solo Brasile, Germania appunto, Italia e Argentina contano più presenze nel complesso
  • Tra le otto squadre che si sono qualificate ai Mondiali per almeno quattordici volte nella propria storia, il Messico è l’unica a non averli mai vinti
  • Nelle ultime sei edizioni dei Mondiali a cui ha preso parte, il Messico è sempre stato eliminato agli ottavi di finale. Nel girone però i messicani delle ultime 17 partite ne hanno perse solo 2 (poi 8 vittorie e 7 pareggi)
  • Thomas Muller ai Mondiali ha messo insieme 10 gol e 6 assist: nessuno meglio di lui tra i giocatori in attività ad oggi mettendo insieme le due statistiche
  • Joshua Kimmich è il calciatore ad aver fatto più assist (9) nelle qualificazioni Mondiali in tutto il globo
  • Sesta competizione per Loew alla guida della Germania: nelle altre cinque è sempre arrivato almeno in semifinale (finalista a EURO 2008, terzo a Sudafrica 2010, semifinalista a EURO 2012, vincitore a Brasile 2014, semifinalista a EURO 2016)
  • Primo Mondiale da commissario tecnico per Osorio invece: l’ultimo a superare lo scoglio degli ottavi alla guida del Messico fu Bora Milutinovic ai Mondiali di casa nel 1986


Germania-Messico: l’arbitro della partita

L’arbitro di Germania-Messico sarà l’iraniano Alireza Faghani, 40 anni, al primo Mondiale in assoluto in carriera. Faghani ha già diretto la Germania in campo internazionale, lo scorso anno in Confederations Cup nel girone contro il Cile (1 a 1) e nella finale delle Olimpiadi 2016 (1 a 1 col Brasile dopo i tempi regolamentari, 6 a 5 per i verdereoro dopo i calci di rigore). Non solo però: nella stessa manifestazione il direttore di gara iraniano, nella fase a gironi, aveva già diretto un Messico-Germania (pur se tra squadre olimpiche) col risultato finale di 2 a 2. Al Mondiale Under 20 del 2013 aveva già diretto i messicani contro la Spagna agli ottavi (vittoria spagnola per 2 a 1).


Leggi anche: MONDIALI RUSSIA 2018: IL TABELLONE COMPLETO