Messico-Svezia 0-3, Mondiali 2018: pagelle e tabellino

Messico-Svezia, gruppo F Mondiale Russia 2018: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

È finita con il netto e sorprendente risultato di 3˗0 l’ultima sfida del Gruppo F tra Messico e Svezia. Dopo un primo tempo che ha visto prevalere, ai punti, la Svezia con un Messico, però, arcigno e mai domo, dalla seconda frazione emerge la concretezza scandinava tale da riuscire ad annichilire gli avversari fin dai primi minuti, passando in vantaggio con Augustinsson e chiudendo la partita con i gol di Granqvist e l’autogol di Alvarez. Il Messico ha dimostrato di essere ben più forte palla al piede e dal punto di vista tattico almeno nel primo tempo, ma la Svezia, predominando nella superiorità fisica, riesce a rivelarsi complessivamente prevalente. Grazie all’ancor più sorprendente risultato di Corea del Sud˗Germania, con la vittoria degli asiatici, i messicani chiudono al secondo posto e si qualificano insieme agli svedesi, a scapito della Germania campione del mondo

Messico-Svezia 0-3: tabellino

Marcatori: 5′ st, Augustinsson (S), 16′ st, Granqvist cr (S); 29′ st, Alvarez au (S)

Messico (4-2-3-1): Ochoa 6; Salcedo 5.5, Alvarez 5, Moreno 5, Gallardo 5 (20′ st, Fabian 6.5); Layun 5.5 (43’ st, Peralta), Herrera 6, Guardado 6 (30′ st, Corona ng); Carlos Vela 6.5, Hernandez 6, Lozano 5.5. CT: Osorio

Svezia (4-4-2): Olsen 6.5; Lustig 6, Granqvist 7, Lindelof 6.5, Augustinsson 6.5; Claesson 6, Larsson 6 (12′ st, Svensson ng), Ekdal 6.5 (35′ st, Hiljemark 6), Forsberg 7; Berg 7 (22′ st, Thelin 6), Toivonen 7. CT: Andresson

Arbitro: Nestor Pitana

Note: Ammonizioni: Gallardo (M), Larsson (S), Moreno (M), Layun (M)

MIGLIORE IN CAMPO ˗ MESSICO:

Carlos Vela 6.5: è l’unico che, fin dal primo tempo, cerca di impensierire Olsen e la difesa svedese, andando vicinissimo al gol in più occasioni. Si perde, come il resto della squadra, nella seconda frazione, ma rimane uno dei più affidabili sui quali provare a lanciare l’insperata rimonta

PEGGIORE IN CAMPO ˗ MESSICO:

Moreno 5: insieme ai suoi compagni di reparto, merita un’insufficienza completa. È lui che, nel contrasto con Berg, si perde l’attaccante e nel tentativo di recuperarlo lo affonda, causando il calcio di rigore. Ammonito, salterà la sfida degli ottavi per squalifica

MIGLIORE IN CAMPO ˗ SVEZIA:

Granqvist 7: oltre a dimostrare le solite autentiche doti da leader difensivo, si fa vedere in avanti con costanza, facendo valere la propria stazza fisica ma, soprattutto, dimostra una grande qualità balistica realizzando il calcio di rigore che sancisce il 2˗0

PEGGIORE IN CAMPO ˗ SVEZIA:

Larsson 6: sebbene sufficiente, la sua prestazione difetta leggermente in intraprendenza e spirito di iniziativa; esce, stremato per le numerose corse e per un colpo subito alla testa


Messico-Svezia: diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO: L’inizio del secondo tempo si configura subito a tinte gialle con il vantaggio svedese, marcato da Augustinsson, bravo a raccogliere una deviazione con il tacco di un compagno in area e a infilare Ochoa con un preciso sinistro. Il Messico sembra subire il colpo e non riesce a reagire con la giusta convinzione, al punto che, su un rapido contropiede, la Svezia riesce addirittura a conquistare un rigore con Berg, trasformato da Granqvist. Sotto di due gol, Osorio prova a cambiare la partita con l’inserimento di Fabian che va vicino al gol in due occasioni. Ma la formazione centramericana appare nettamente sfilacciata e al 29’ subisce addirittura il terzo gol, con una sfortunatissima autorete di Alvarez. A questo punto, la qualificazione del Messico è appesa a un filo, dipendente soltanto dalla partita di Corea del Sud˗Germania e ogni tentativo, spesso timido, si conclude con un nulla di fatto. Tutti i tifosi, con il cellulare in mano, attendono speranzosi in un risultato favorevole dall’altro campo

49′ – Finisce qui: è 3-0 Svezia

48’ ˗ Herrera con il sinistro da distanza siderale prova a sorprendere Olsen che blocca in due tempi

45’ ˗ Assegnati 4’ di recupero

44’ ˗ Fabian cerca il palo lontano ma Toivonen devia nuovamente in corner, facendo valere la propria superiore stazza fisica

43’ ˗ ultimo cambio per il Messico: entra Peralta, esce Layun

43’ ˗ Lustig atterra Lozano nei pressi del limite dell’area: ammonizione e calcio di punizione

41’ ˗ Ammonizione per Layun, per proteste

36’ ˗ Occasione Messico. Hernandez controlla bene in area e, da posizione defilata, prova a sorprendere Olsen sul palo lontano ma una deviazione di un difensore sventa la minaccia

35’ ˗ Cambio per la Svezia: esce Ekdal, emtra Hiljemark

35’ ˗ Granqvist, nel tentativo di fermare Vela, lo colpisce alla caviglia, atterrandolo: calcio di punizione dal limite, battuto malissimo direttamente sulla barriera

33’ ˗ Corona sbaglia nettamente la misura del passaggio per il compagno e il pallone si perde sul fondo

29’ ˗ GOL SVEZIA!!!!! Sugli sviluppi di una rimessa laterale, Thelin spizza verso il centro dell’area, Alvarez prova a deviare con il destro ma con la mano sinistra la spinge all’interno della sua porta

29’ ˗ Ekdal atterrato da un intervento da dietro di Guardado: nuova occasione per la Svezia

26’ ˗ Occasione Messico. Da una punizione ben battuta, Hernandez esce dalla marcatura avversaria ma il suo colpo di testa finisce alto sopra la traversa

25’ ˗ Evidente ostruzione dell’autore del primo gol nei confronti di un messicano: calcio di punizione da posizione defilata, vicino alla bandierina

22’ ˗ Cambio per la Svezia: fuori Berg, dentro Thelin

21’ ˗ Occasione Messico. Fabian prova a sorprendere Olsen con un preciso tiro dai 30 metri che, complice una deviazione di un difensore, finisce di pochissimo alto sopra la traversa

20’ ˗ Cambio per il Messico: esce Gallardo, entra Fabian

16’ ˗ GOL SVEZIA!!!! Granqvist trasforma dal dischetto con un perfetto destro sotto l’incrocio: Ochoa intuisce ma non devia

15’ ˗ CALCIO DI RIGORE per la Svezia. Sugli sviluppi di un rapido contropiede guidato da Toivonen, Hector Moreno atterra Berg e Pitana concede il calcio di rigore

14’ ˗ Berg rimane a terra dopo una gomitata fortuita ricevuta da Alvarez

12’ ˗ Prima sostituzione per la Svezia: esce Larsson, entra Svensson

11’ ˗ Larsson rimane a terra dopo un colpo alla testa: necessario l’intervento dello staff medico

9’ ˗ Guardado prova a suonare la carica ai suoi, con un tiro da posizione leggermente esterna ma la sua conclusione finisce alta sopra la traversa

7’ ˗ Occasione Svezia. Ancora una volta, Forsberg, liberissimo al limite dell’area, riceve il passaggio dal compagno e scaglia verso la porta, calciando alto sopra l’incrocio

5’ ˗ GOL SVEZIA!!!!! Augustinsson, con il sinistro, sorprende, con un tiro al volo, Ochoa e porta in vantaggio i suoi

4’ ˗ Sugli sviluppi del calcio d’angolo, Vela ed Hernandez provano a incocciare il pallone, vanificando il tentativo

3’ ˗ Lozano cerca il fondo e mette in mezzo un interessante pallone rasoterra ma è, ancora una volta, Granqvist a mettere in calcio d’angolo

2’ ˗ Palla troppo lunga di Granqvist che si perde sul fondo

1’ ˗ Pitana fischia l’inizio della seconda frazione: sarà il Messico a battere

SINTESI PRIMO TEMPO: Pronti via e Pitana fa valere la propria autorità ammonendo, dopo 15 secondi, Gallardo. La Svezia prova subito a fiondarsi in avanti, cercando, in particolare, di sfruttare i calci di punizione e dimostrando, come il suo solito, una certa pressione nei confronti del direttore di gara, ogniqualvolta si verifichi un episodio a loro sfavorevole. Il Messico si vede con minor intensità e veemenza in attacco e, nonostante la qualità tecnica maggiore, dimostra di soffrire la pressione forsennata degli scandinavi. Fioccano le occasioni per la Svezia, soprattutto con Forsberg e Berg, ma è il Messico, al 17’, ad andare vicinissimo al gol con Carlos Vela. Esagerate e spesso immotivate le proteste degli svedesi, con il CT Andresson a guidare la truppa con scenate spesso eccessive relative alle scelte dell’arbitro. Nei minuti finali è ancora il Messico, con il solito Vela, ad andare vicino al vantaggio, senza riuscire ad ottenerlo. Partita, in generale, molto bloccata soprattutto nella fase finale, quando ogni possessore di palla viene raddoppiato, impedendo di costruire un efficace manovra offensiva

47’ ˗ Pitana fischia la fine della prima frazione: è 0˗0

47’ ˗ Occasione Svezia. In contropiede, Berg si smarca bene, staccando Salcedo che gli concede il sinistro, con il quale, però, non riesce a superare Ochoa

45’ ˗ Assegnati 2’ di recupero

45’ ˗ Layun, dopo aver accalappiato con precisione il pallone lanciato da Hernandez, tenta il tiro a giro ma la traiettoria è troppo debole e viene bloccata da Olsen

41’ ˗ Scontro fortuito in area di rigore tra Lozano e Granqvist: Pitana vede ma non interviene

39’ ˗ Occasione Messico. Carlos Vela penetra in area di rigore, a partire dall’esterno, e calcia verso la porta difesa da Olsen con il destro ma la sua conclusione finisce altissima sopra la traversa

36’ ˗ Lozano, in seguito a un rapido dribbling, da fuori area prova a sorprendere Olsen ma il duo Lustig˗Lindelof mantiene bene la compattezza della difesa, impedendo alla palla di penetrare in area

33’ ˗ Forsberg non riesce a tenere basso il pallone, pur essendo completamente libero, e calcia alto sopra la traversa

31’ ˗ Occasione Svezia. Gran riflesso di Ochoa su un anticipo volante di Berg: palla alta sopra la traversa

28’ ˗ Sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da centrocampo, Hernandez esce dalla sua area portando avanti il pallone forse con un braccio, troppo largo. Pitana chiede l’intervento del VAR e consulta lui stesso il video, decidendo di non concedere alcun calcio di rigore

26’ ˗ Ammonizione per Larsson, reo di un fallo in ritardo su Gallardo

25’ ˗ Buona manovra degli svedesi sulla fascia sinistra tra Augustinsson e Berg che si conclude con la pronta uscita di Ochoa a vanificare ogni potenziale pericolo

23’ ˗ Pessima e sballata conclusione di Guardado dalla distanza: il veterano della Nazionale chiede scusa ai compagni

22’ ˗ Occasione Messico. Carlos Vela prova, ancora una volta, a bucare Olsen con un preciso tiro a giro ma Granqvist svetta più in alto di tutti e devia in angolo

21’ ˗ Ekdal si diletta in un complicato e rischioso disimpegno in mezzo al campo

18’ ˗ Occasione Svezia. Forsberg raccoglie un buon traversone dalla destra, dopo essere sfuggito dalla marcatura di Guardado, ma con il piatto destro calcia alto sopra la traversa

17’ ˗ Occasione colossale per il Messico. Da un’ottima palla rubata a centrocampo, Hernandez conquista palla al limite dell’area di rigore, per poi servirla a Carlos Vela, completamente libero: il tiro a giro di quest’ultimo, però, sfiora soltanto il palo alla destra di Olsen

15’ ˗ Forsberg colpisce al volo dopo un rimpallo capitato sui piedi di Salcedo ma calcia alle stelle, mandando il pallone direttamente in tribuna

12’ ˗ Occasione Svezia. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Granqvist colpisce di testa, realizzando una sorta di assist per Berg che, in rovesciata, prova a impensierire Ochoa ma il suo pallone si perde a pochi centimetri dal palo

10’ ˗ Herrera attacca con eccessiva veemenza Ekdal che rimane a terra dolorante

9’ ˗ Layun prova a sorprendere Olsen con un tiro velleitario dalla distanza ma la sua conclusione si perde

8’ ˗ Lozano viene atterrato da Claesson all’altezza del cerchio di centrocampo: calcio di punizione che permette al Messico di rifiatare e guadagnare terreno

5’ ˗ Sugli sviluppi del calcio di punizione, Ochoa respinge in tuffo a mani aperte sul tiro violento di Toivonen

4’ ˗ Ochoa prende il pallone sulla linea d’area di rigore, Pitana fischia il calcio di punizione, nonostante le proteste, ma nessuno provvedimento disciplinare

3’ ˗ Toivonen cerca il cross in mezzo ma il suo tentativo finisce innocuo tra le braccia di Ochoa

2’ ˗ Sugli sviluppi del calcio di punizione, Berg rimette in mezzo di testa ma Granqvist non riesce a colpire efficacemente e Guardado allontana, spazzando

1’ ˗ Pronti via e subito un’ammonizione ai danni di Gallardo, reo di aver toccato con il gomito, in salto, Toivonen: probabilmente il cartellino giallo più veloce di sempre dopo 15 s

1’ ˗ Pitana fischia l’inizio del match: sarà la Svezia a battere il primo pallone

Messico e Svezia sono scese in campo e sono pronte per dare inizio alle danze, dopo il rituale canto degli inni nazionali


Messico-Svezia: formazioni ufficiali

Sono uscite le formazioni ufficiali. Un solo cambio per Osorio, che preferisce Alvarez dal primo minuto, anziché Ayala. Nessun cambio, invece, per Andresson

Messico (4-2-3-1): Ochoa; Salcedo, Alvarez, Moreno, Gallardo; Layun, Herrera, Guardado; Carlos Vela, Hernandez, Lozano. CT: Osorio

Svezia (4-4-2): Olsen; Lustig, Granqvist, Lindelof, Augustinsson; Claesson, Larsson, Ekdal, Forsberg; Berg, Toivonen. CT: Andresson


Messico-Svezia: probabili formazioni e pre-partita

Quella che andrà in scena al Central Stadium di Yekaterinburg tra Messico e Svezia sarà una partita importante ai fini della qualificazione: con una vittoria o un pareggio i centramericani sarebbero sicuri del primo posto, con una sconfitta e una contemporanea vittoria della Germania sarebbe necessario guardare gli scontri diretti, la differenza reti e il coefficiente legato al Fairplay. Di certo, la Svezia, dopo una buona partenza, è costretta a vincere, sempre che la Corea del Sud non le faccia il grande regalo di battere la Germania: a quel punto potrebbe bastare un pareggio.

Qui Messico. Con l’obiettivo di mantenere un assetto tattico che non si discosti troppo da quello che è riuscito a ottenere i sei punti nei precedenti match, Osorio cercherà di mantenere una squadra compatta e serrata, rinunciando con ogni probabilità a fare un possibile turnover, nonostante il punteggio pieno. Dentro dal primo minuto le stelle principali, allora: Vela, Hernandez e Lozano su tutti a guidare il suo 4˗2˗3˗1.

Qui Svezia. Per Andersson la situazione è nettamente più complicata, dal momento che i suoi uomini hanno solo un risultato a disposizione, o meglio, la vittoria è quella che le darebbe più chance di passare. Convinto del suo credo tattico e fiducioso dell’undici mandato in campo nella sfortunata sconfitta contro la Germania, il CT schiererà gli stessi uomini con la stella Toivonen alla ricerca del suo secondo gol personale

Messico (4-2-3-1): Ochoa; Salcedo, Ayala, Moreno, Gallardo; Layun, Herrera, Guardado; Carlos Vela, Hernandez, Lozano. CT: Osorio

Svezia (4-4-2): Olsen; Lustig, Granqvist, Lindelof, Augustinsson; Claesson, Larsson, Ekdal, Forsberg; Berg, Toivonen. CT: Andresson


Messico-Svezia: i precedenti del match

Sono ben 9 i precedenti tra Messico e Svezia, una sfida “già vista” parecchie volte ma raramente a una fase finale di un Mondiale. L’unico precedente “ufficiale” relativo a un incontro in Coppa del Mondo risale al 1958, quando nel paese scandinavo si disputarono i Mondiali appunto e il match con i centramericani rappresentò la partita d’esordio: un netto 3˗0 dei padroni di casa diede il via alla qualificazione alla fase successiva. Il Messico ha perso soltanto una delle ultime cinque sfide contro la Svezia (tutte in amichevole), ottenendo, infatti, due vittorie e due pareggi. Il Messico non ha mai vinto tre gare consecutive in una fase a gironi di un Mondiale e, se ci riuscisse, sarebbe la prima squadra CONCACAF a farlo.


Messico-Svezia: l’arbitro del match

Sarà Nestor Fabian Pitana l’arbitro designato dalla FIFA a dirigere Messico˗Svezia, in programma oggi alle 16 allo stadio “Central” di Yekaterinburg. Argentino, classe ’75, insegnante di educazione fisica di professione, Pitana avrà l’occasione di arbitrare la sua seconda partita al Mondiale, dopo quella d’esordio tra Russia e Arabia Saudita. Reduce da una stagione nella quale ha “timbrato il cartellino” in ben 20 occasioni, tra Primera Division, Coppa Libertadores e Qualificazioni mondiali, il fischietto di Corpus è sempre risultato piuttosto facile al cartellino giallo, nonostante nell’ultima partita siano state soltanto due le situazioni nelle quali è stato necessario estrarlo


Messico-Svezia Streaming: dove vederla in tv

Messico-Svezia sarà trasmessa a partire dalle ore 16 in diretta in chiaro sulle frequenze satellitari di Canale 20 (anche in HD al canale 520 del digitale terrestre) ed in diretta gol in contemporanea con Corea del Sud-Germania su quelle di Mediaset Extra (canale 34 del digitale terrestre, 534 in HD). Non è tutto, perché la partita sarà visibile anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile direttamente tramite il sito Mediaset e sulle frequenze radiofoniche di Radio 1.