Barella si racconta: «Nazionale emozione fortissima. Idolo Stankovic»

Barella si racconta: «Nazionale emozione fortissima. Idolo Stankovic»
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole del centrocampista del Cagliari, Barella, nel corso della prima puntata della serie di Sky Sport, La Giovane Italia

Il centrocampista del Cagliari, Niccolò Barella, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso di ‘La Giovane Italia‘ su Sky Sport. Il capitano della formazione rossoblù allenata da Rolando Maran, reduce dal pareggio di ieri per 2-2 in casa contro l’Empoli, ha parlato di svariati temi legati al suo futuro e al presente in Sardegna: «Capitano del Cagliari? Due stagioni fa c’è stato un momento in cui tutti i senatori non giocavano nella gara contro la Lazio e per l’occasione la portava Nicola Murru, col quale ho un bellissimo rapporto. Scherzando gli chiesi di farsi sostituire in modo da metterla io al braccio perché volevo fortemente provare cosa si sente. E così gli ho portavo via il record di capitano più giovane della storia del Cagliari».

Prosegue e conclude Barella: «Il mio idolo? Stankovic, mi riempiva gli occhi vedere la sua grinta in campo e i suoi gol. Ricordo ancora quel gol segnato da centrocampo con lo Schalke 04. Gigi Riva? Per me è il Cagliari, l’ho conosciuto e per me che lui si ricordi di me e del mio passato è una cosa importantissima che mi fa tanto piacere. La Nazionale è un’emozione fortissima, ho tatuata sulla pelle la data del mio primo gol in azzurro: una rete in rovesciata contro la Repubblica Ceca quando giocavo con l’Under 16».