Atalanta-Genoa, Gasp in paradiso: «La mia consacrazione. Futuro? Non mi interessa»

Atalanta-Genoa, Gasp in paradiso: «La mia consacrazione. Futuro? Non mi interessa»
© foto www.imagephotoagency.it

Atalanta-Genoa, nel post gara Gasperini esterna tutta la sua gioia: la Champions è sempre più vicina, e c’è anche la finale di Coppa Italia

L’Atalanta oramai non stupisce più. Sono 11 i risultati di fila della squadra di mister Gasperini, che si porta momentaneamente al terzo posto. Il tecnico degli orobici è al settimo cielo: «Questo successo è più determinante degli altri. La matematica dice che mancano pochi punti. Ora possiamo affrontare la finale di Coppa Italia nel modo migliore. Questa squadra è straordinaria a livello di testa. Non so che futuro abbia l’Atalanta con gli obiettivi raggiunti ma non ci interessa».

L’Atalanta è la squadra che più ricorda l’elite del calcio europeo, merito del gioco imposto dal suo mister: «La consacrazione la sto avendo ora, che stanno arrivando i risultati. Il gioco non basta se non viene valorizzato dal risultato. Se giochi bene, però, hai più possibilità di ottenerlo. Se lo chiedi a me è questa la mia filosofia di gioco. Solo l’abitudine nel giocare insieme si possono fare schemi e mettere in pratica idee che ti fanno vincere le partite»

Un pensiero poi per i tifosi, arrivati in massa a Reggio Emilia, oltre 15mila, mentre per la finale di Coppa Italia a Roma saranno oltre 20mila per sostenere la Dea: «Vogliamo dare soddisfazione a questa gente, sono incredibili, non possiamo sbagliare per regalare un sogno a questa gente».