Milan, Gattuso: «Bakayoko ci ha messo 7-8 minuti per cambiarsi, priorità al gruppo»

La versione di Gennaro Gattuso in conferenza stampa sul litigio di ieri nel corso del primo tempo di Milan-Bologna con Tiemoué Bakayoko che si sarebbe rifiutato di entrare in campo

Gli strascichi della lite occorsa ieri in panchina durante Milan-Bologna tra Gennaro Gattuso e Tiemoué Bakayoko probabilmente ancora oggi terranno banco in casa rossonera. In nottata è arrivato il post di spiegazioni sui social del centrocampista francese riguardo all’accaduto, ma alla fine della gara, dopo aver già parlato ai microfoni delle televisioni, in conferenza stampa il tecnico milanista ha dato la propria versione dei fatti: «Su Bakayoko vi spiego la motivazione: ci ha messo sette o otto minuti per cambiarsi, per mettersi il nastro adesivo, per mettersi i parastinchi… e ho fatto la scelta, perché oggi penso che la priorità sia il Milan, sono i ventisette o ventotto giocatori che abbiamo in rosa».

Gattuso ha poi proseguito: «Nella mia carriera mi è capito di mandare a quel paese l’allenatore, però dopo l’ho sempre guardo negli occhi e gli ho sempre chiesto scusa quando ho sbagliato. Penso che in questo momento voglio parlare solo della mia squadra: quello che ci diremo io e lui nello spogliatoio, e ci sentiranno tutti, saranno parole che… Io ho fatto il giocatore, non ho fatto il pescatore, però priorità al Milan e a tutti i giocatori».