Ranieri: «Non sottovaluteremo il Cagliari. Spalletti critica il mio credo? Il calcio è semplice»

Ranieri: «Non sottovaluteremo il Cagliari. Spalletti critica il mio credo? Il calcio è semplice»
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Claudio Ranieri in vista della sfida interna con il Cagliari. Ecco le dichiarazioni del tecnico in conferenza stampa

Consueta conferenza stampa di giovedì mattina per Claudio Ranieri, a due giorni dalla sfida con il Cagliari. Ecco le parole del tecnico della Roma: «Dobbiamo avere rispetto per ogni avversario. I ragazzi stanno lavorando molto intensamente per poter concorrere a questo posto benedetto di Champions. El Shaarawy? Sta facendo bene. Riesce a fare le due fasi, fa le diagonali difensive e in attacco è in doppia cifra. Dzeko? Dzeko ama partecipare al gioco. Quello che ha fatto vedere a San Siro è il suo habitat naturale. Può giocare con uno accanto, ma questo accanto deve capire il suo gioco e inserirsi al momento giusto».

Prosegue Claudio Ranieri parlando di altri singoli: «Pastore titolare? Non lo so, ma è in ripresa. Schick? Sono convinto che abbia i requisiti per diventare un grosso campione. Cengiz Under? Quando giochi in quella posizione e tu crei problemi all’avversario o lui li crea a te. Il cambio di Milano è dettato sia dalla condizione fisica che da un aspetto tattico. Da lui mi aspetto tanto. Futuro? Io mi sento allenatore della Roma fino al termine della stagione, poi Dio vedrà e provvederà. Ho accettato a scatola chiuso, da tifoso. Spalletti ha criticato il mio credo calcistico? Ognuno fa quel che può con quello che ha. Il calcio è semplice, sono gli allenatore e i giocatori che lo rendono complicato».