Come vedere Iran-Portogallo in streaming e in diretta tv

Iran-Portogallo, ultima giornata girone B Mondiali Russia 2018: le info per vedere la partita in diretta ed in streaming, probabili formazioni, precedenti, info e curiosità

Iran-Portogallo è la partita valida come ultima giornata del gruppo B dei Mondiali di Russia 2018: la gara, in programma per lunedì 25 giugno 2018 alle ore 20 presso l’Arena Baltika di Kaliningrad – proprio allo sbocco del Mar Baltico, alle porte dell’Europa centrale – si disputerà in contemporanea con l’altro match che deciderà il raggruppamento, quello tra Spagna e Marocco. Si gioca le chance residue di passaggio agli ottavi di finale della competizione l’Iran di Carlos Queiroz, allenatore di passaporto portoghese che proprio il Portogallo lo ha già allenato in due diverse parentesi: tra il 1991 ed il 1993 e tra il 2008 ed il 2010 (ai Mondiali sudafricani venne eliminato agli ottavi proprio dalla Spagna). La nazionale persiana al momento ha tre punti in classifica (merito della vittoria nella prima partita col Marocco per 1 a 0, cui ha fatto seguito poi la sconfitta di misura con le Furie Rosse), uno in meno dei lusitani guidati da Fernando Santos, trascinati dai gol di Cristiano Ronaldo che hanno portato al pareggio alla prima gara del girone con la Spagna (3 a 3) e alla vittoria col Marocco di mercoledì scorso (1 a 0). All’Iran per passare il turno servirà soltanto vincere, al Portogallo invece potrebbe bastare il pareggio.

Iran-Portogallo verrà trasmessa a partire dalle ore 20 in diretta in chiaro sulle frequenze di Italia 1 (anche in HD al canale 506 del digitale terrestre) e su quelle di Mediaset Extra (canale 34 del digitale terrestre, 534 in HD) con il commento irriverente della Gialappa’s Band, ma non solo. La gara potrà essere infatti seguita anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile direttamente dal sito di Mediaset ed in radio sulle frequenze di Radio 1. Ricordiamo inoltre che la partita sarà disponibile in diretta testuale live sul nostro sito con ampio pre-partita, quindi sintesi, pagelle ed approfondimenti alla fine.

 CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI IRAN-PORTOGALLO 


Iran-Portogallo: probabili formazioni

QUI IRAN – Queiroz non dovrebbe avere dubbi nel confermare il solidissimo (ed ultra-difensivo) 4-5-1 che ha costretto la Spagna agli straordinari pur di sbloccare una partita che pareva incantata, potrebbe però cambiare qualche interprete in campo. Ancora out per infortunio la stella Alireza Jahanbakhsh (out sin dal match col Marocco per un problema muscolare) a centrocampo, la vera novità potrebbe esserci in attacco dove Sardar Azmoun potrebbe scambiarsi di posto con Omid Ebrahimi, reduce da un problema alle costole rimediato mercoledì scorso con gli spagnoli ma, a quanto sembra, recuperabile in vista del match. Con Omid avanzato, Azmoun potrebbe trovare spazio direttamente alle sue spalle – largo – diventando di fatto in fase offensiva una vera e propria seconda punta. Davanti alla difesa, in posizione più avanzata rispetto ai primi due match, l’espertissimo Jalal Hossein, che libererebbe dunque un posto nel reparto arretrato (vuoto che andrebbe ad occupare Saeid Ezatolahi). Per il resto nessuna grossa novità prevista.

QUI PORTOGALLO – Anche Santos continua ad affidarsi al suo classico modulo: il 4-1-3-2 (ovvero un 4-4-2 con William Carvalho spostato davanti alla difesa in fase di non possesso). Non sono annunciate grosse novità nemmeno in termini di giocatori in campo: l’unica possibile modifica potrebbe riguardare il ritorno in campo – come nella prima partita contro la Spagna – di Bruno Fernandes adattato sulla fascia sinistra in luogo di Joao Mario, che ne aveva rilevato il posto (con risultati non impressionanti) contro il Marocco mercoledì. In avanti, confermatissimo – nemmeno a dirlo – Ronaldo, resta sempre il dubbio sulla sua possibile spalla: se nelle prime due partite ha prevalso la scelta di Gonçalo Guedes rispetto ad André Silva, adesso il milanista, per quest’ultima partita del girone, potrebbe giocarsela con qualche chance in più di essere titolare. Il nodo verrà sciolto solo nelle prossime ore.

PROBABILE FORMAZIONE IRAN (4-5-1) – Beiranvand; Safi, Ezatolahi, Pouraliganji, Ramin; Karim, Amiri, Mehdi, Hosseini, Azmoun; Omid. Allenatore: Queiroz
PROBABILE FORMAZIONE PORTOGALLO (4-1-3-2) – Rui Patricio; Cedric, Pepe, Fonte, Guerreiro; William Carvalho; Bernardo Silva, Moutinho, Bruno Fernandes; André Silva, Cristiano Ronaldo. Allenatore: Santos

iran mondiali 2018


Iran-Portogallo: statistiche e curiosità

  • Secondo incontro in assoluto e ad un Mondiale tra Iran e Portogallo, l’altro risale al 2006, quando si imposero i lusitani per 2 a 0 grazie ai gol di Deco e del solito Ronaldo. Proprio l’attaccante del Real Madrid, in quell’occasione, segnò il suo primo gol in assoluto ai Mondiali (attualmente è a quota sette)
  • Il Portogallo ha affrontano ai Mondiali finora nella sua storia solo quattro squadre asiatiche, vincendo in tre occasioni: l’unica sconfitta risale ai Mondiali del 2002 contro i padroni di casa della Corea del Sud
  • L’Iran al contrario ha affrontano squadre europee al Mondiale in sette occasioni finora e non ha mai vinto (un solo pareggio, nel 1978 contro la Scozia, e sei sconfitte)
  • L’attuale allenatore dell’Iran Queiroz era il commissario tecnico del Portogallo quando la selezione lusitana conquistò la sua vittoria più larga ad un Mondiale: 7 a 0 contro la Corea del Nord nel 2010
  • La gara vinta per 1 a 0 contro il Marocco mercoledì scorso è stata la prima in un Mondiale dal 2010 (0 a 0 col Brasile) in cui il Portogallo è riuscito a non prendere gol: erano cinque partite di fila alla Coppa del Mondo che i lusitano subivano almeno una rete
  • In caso di vittoria col Portogallo, l’Iran sarebbe agli ottavi di finale di un Mondiale per la primissima volta nella sua storia: finora, nelle quattro partecipazioni precedenti, è sempre stato eliminato nella fase a gironi
  • L’Iran non ha mai vinto l’ultima partita del girone di un Mondiale: nei quattro precedenti ha rimediato solo un pareggio e tre sconfitte subendo ben dieci gol e facendone solo tre
  • Le ultime cinque reti di fila del Portogallo ai Mondiali (quattro in questo, una nel 2014) sono state segnate tutte da Ronaldo: vicino il record di Oleg Salenko, che segnò sei gol di fila ai Mondiali del 1994 per la Russia
  • Col Marocco Ronaldo ha segnato l’ottantacinquesimo gol con la nazionale portoghese diventando il primo giocatore europeo ad aver raggiunto tale traguardo con la propria selezione di appartenenza: superato Ferenc Puskas, che ne segnò ottantaquattro con Ungheria e Spagna
  • Joao Moutinho a un passo dalla centotredicesima partita col Portogallo in carriera: riuscirebbe così a superare Nani (centododici) al terzo posto nella classifica dei più presenti con la casacca dei lusitani alle spalle di Luis Figo (centoventisette) e dello stesso Ronaldo (per ora a centocinquantadue)

Iran-Portogallo: l’arbitro del match

L’arbitro di Iran-Portogallo sarà il paraguaiano Enrique Caceres Villafane, al primo Mondiale in assoluto dopo le partecipazioni alle Copa America 2015 e 2016. In questa edizione della Coppa del Mondo Caceres ha già arbitrato, martedì scorso, Russia-Egitto (3 a 1) del girone A, mentre in carriera non ha mai fischiato né l’Iran e nemmeno il Portogallo. In compenso però il paraguaiano ha già diretto una volta in carriera una partita con Cristiano Ronaldo protagonista: Club America-Real Madrid, semifinale del Mondiale per Club del 2016 vinta dalle Merengues per 0 a 2 (in gol, dopo Karim Benzema, proprio Ronaldo a tempo ormai scaduto).